mercoledì 17 febbraio 2010

Valzer nello spazio.

(Ascolta il brano qui).

Abbiamo perso un altro pezzo
non c'è rimasto che un bullone
e a tenere unita l'illusione è una vite lenta
Davanti a gli occhi si scatena
una tempesta di calcare
e se la lancetta nera scende sullo zero comincia a pregare
Mancava solo un corpo estraneo
nascosto a bordo come Alien
un viscido ominide
venuto per schierarsi dalla tua parte
Maledetto sia
è uscito adesso all'improvviso
e avete già deciso di fare a meno di me?
Mi auguro di aver davanti un momento in cui potrò ignorarti
come una cartella sopra il monitor lasciata senza titolo
cancellarti non mi viene in mente
me ne pentirei di sicuro all'infinito
In questa capsula spaziale
lanciata per auto espulsione
nel giro di un secondo
è già un altro giorno
distante anni luce da te
Si aprono degli enormi squarci di tranquillità da queste parti
dei deserti immensi che consentono un atterraggio morbido
La benedizione delle stelle mi proteggerà dagli attacchi di sonno
mentre senza logica
con due dita sulla condensa
disegnerò un cuore che per incanto
il tempo non cancellerà.

(dall'album Manifesto abusivo, di Samuele Bersani)


Posta un commento